PROGETTI

Il Mago di Oz

picture

Il progetto:
Un progetto volto ad imparare ad ascoltare il corpo come strumento di espressione e manifestazione di bisogni, vissuti e disagi precoci; nella convinzione di poter apprendere la fiducia di base necessaria per esprimere e dar voce ad emozioni nascoste e imparare ad incanalare e manifestare rabbia, paure e ansie precoci. Tale percorso crea le basi per un dialogo consapevole e collaborativo tra bambini e bambine, nell'esplorazione e la valorizzazione delle differenze; con l'obiettivo di rafforzare il vissuto individuale del confronto, del rispetto e della scoperta del valore dell'altro, in un'ottica di abbattimento delle differenze di genere radicate a livello culturale, sociale ed educativo. Il  laboratorio sceglie di andare ad indagare, stimolare e dare voce ad emozioni, paure ed eventi che, spesso presenti,  non trovano però il canale di espressione adeguato e i giusti strumenti per far loro fronte. Chi cresce ha più emozioni che parole per poterle raccontare. Spesso  gli adulti non hanno gli strumenti adatti per potere affrontare con adeguate strategie disagi emotivi percepiti ed avvertiti. L’educazione emotiva diviene canale preferenziale, come strumento di prevenzione privilegiato e prioritario. Essa si pone come strumento per rafforzare e completare l’intelligenza interpersonale e quella intrapersonale (l’intelligenza emotiva secondo Gardner e Goleman) attraverso un percorso strutturato guidato dal metodo teatrale e da supporti didattico-pedagogici . Al contempo crea le basi per una sana convivenza tra i due generi nel pieno rispetto delle differenze e dei valori ad esse associati. Il percorso proposto parte quest'anno dal romanzo “Il Mago di Oz”, dopo aver affrontato per 4 anni la Fiaba di Barbablu, con un progetto in collaborazione con l'Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Modena e diversi Circoli Didattici della città. Peso Specifico Teatro parte infatti da una metodologia integrata che utilizza la fiaba o il romanzo come filo conduttore per affrontare teatralmente aspetti emotivi e relazionali, necessari alla sana crescita del bambino.

Tema:
Nel romanzo Il mago di Oz incontriamo l' Uomo di latta senza cuore, lo Spaventapasseri senza cervello, e il Leone senza coraggio, personaggi emblematici dell'assenza di consapevolezza di sé e di relazione sociale. Insieme alla piccola Dorothy andremo alla ricerca del sentimento, del pensiero e dell’azione come elementi fondamentali all'interno di un contesto preciso: il viaggio, inteso come abbandono di parti conosciute, ma anche di cose, persone o luoghi, e al contempo come esplorazione del nuovo, dei possibili e dell'altro sconosciuto.

Metodologia:
Peso Specifico utilizza un metodo integrato dove lo strumento teatrale diviene canale preferenziale per indagare vissuti, credenze e comportamenti umani, all'interno dei quali la fiaba e il romanzo si collocano come filo conduttore necessario. Alle tecniche teatrali di gioco, improvvisazione, narrazione, movimento, relazione corpo-voce e corpo-spazio, si inseriscono tecniche psicopedagogiche di feedback e condivisione.

Le finalità:
Guidare il bambino in un percorso attraverso il quale possa divenire consapevole delle proprie capacità e potenzialità, nonché delle proprie emozioni interne e fornire gli strumenti per affrontarle e rielaborarle in maniera più consapevole, attraverso il mezzo teatrale. Sviluppare percorsi di integrazione tra bambini di diverse etnie, utilizzando il tema del viaggio e il romanzo il mago di Oz come occasione di riflessione, condivisione e comprensione di differenti punti di vista e modi di interpretare il Sè e la realtà sociale. Intrecciare e confrontare diverse modalità di linguaggio per giungere alla rappresentazione drammatizzata della storia comune, partendo dalle singole competenze, sollecitate dall’uso di diversi mezzi d’espressione. Permettere al bambino di affrontare e utilizzare le capacità e  le emozioni tipiche del suo livello evolutivo in gruppo attraverso l’apporto co-partecipativo e condiviso. Stimolare la creatività e il pensiero laterale in un'ottica di creazione collettiva.

Le modalità di svolgimento:
5 incontri di un' ora e mezzo cadauno, per ogni classe coinvolta (+ 1 incontro di presentazione ed organizzazione del progetto, con le insegnanti). Il corpo docenti della classe partecipante è invitato a presenziare durante l'intero percorso. Operatori: Peso Specifico Teatro (attori e psicologa/regista della compagnia.)

Restituzione finale:
Il percorso prevede una giornata di restituzione finale sotto forma di installazione performativa in cui i bambini condurranno gli adulti nel mondo di Oz. Ai quattro angoli di una piazza della città saranno infatti esposti gli oggetti da loro fabbricati sulla base delle tamatiche  affrontate: il viaggio, il coraggio, il cuore e il cervello. I visitatori potranno dunque passeggiare all'interno di un'installazione sonora in cui i bambini mostreranno le proprie creazioni e il loro significato: maschere, scatole magiche, scarpe e spaventapasseri molto particolari e unici.

 Studio Web Daniele Di Reda  | Modena